‘Na sera in botéga di Confartigianato Venezia – Centro Stampa Digitale Al Canal si racconta

‘Na sera in botéga di Confartigianato Venezia – Centro Stampa Digitale Al Canal si racconta

Il 22 ottobre si è tenuta la quinta ‘Na sera in botéga, il ciclo di incontri organizzato da Confartigianato Venezia insieme alla Camera di Commercio di Venezia e Rovigo. Ad ospitare i numerosi partecipanti, il Centro Stampa Digitale Al Canal di Giancarlo Bareato, situata a Dorsoduro, che oltre ad occuparsi di fotocopie, stampa dei modellini plastici per l’architettura, vetrofanie e poster, è dotato di una serie di stampanti in 3d.

Agli inizi del ‘900 però, questo edificio ospitava un’attività commerciale nettamente diversa: era la sede della salumeria di Vitale Rossi (originario dell’Agordino) e ancor prima dello zio Emilio Tos. Nel 1949 inziò la sua prima attività e si trasferì qui in Fondamenta de la Pescheria nel 1955, insieme alla moglie.

Negli anni ’80 furono i figli ad occuparsi del negozio, che riforniva bar, alimentar e ristoranti di Venezia e dintorni. Nel 2003 il negozio chiuse, dopo cinquant’anni di attività e nel 2009 il Centro Stampa Digitale Al Canal, insieme alla moglie di Vitale Rossi, ha rinnovato il locale, mantenendo intatta la memoria del passato.

Centro Stampa Digitale Al Canal offre qualsiasi tipo di aiuto stampa: dalle fotocopie alla ha come fiore all’occhiello, quello di essere un’officina 3d, che riesce a dar vita, grazie a plastica e resina (e ovviamente alle stampanti 3d), oggetti di vario genere.

Il modello di stampante 3d che usano al Centro Stampa Digitale Al Canal è una FDM, una di quelle un po’ più economiche, dove fili di materie plastiche vengono sciolti all’interno di estrusore che serve per ottenere degli estrusi, ossia delle forme di sezione costante e prestabilita dalla forma della trafila, che vanno a creare i vari livelli dell’oggetto che si formerà.

Si può partire da un disegno cartaceo e trasformarlo digitale e poi, attraverso un apposito programma, va creato il disegno tridimensionale, che poi la stampante legge, dando poi vita, attraverso vari strati, all’oggetto.

Accanto alle stampanti che colano le materie plastiche, ce n’era un’altra che funziona colando resina e serve per dar vita ad oggetti ricchi di dettagli. Anche qui ci sono vari livelli, che vengono solidificati uno alla volta; l’oggetto rimane attaccato al piano di stampa che via via sale e crea l’oggetto finale.

Centro Stampa Digitale Al Canal mette a disposizione, da quasi 30 anni si occupano di stampa a 360 gradi, riescono a creare qualsiasi tipo di progetto grafico, con una strumentazione ed una professionilità, ricercate.

Alice Bianco e Sara Prian

Riproduzione vietata

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *